Arene nella nebbia

Two males of Black grouse displaying - Canon 7D, 300/f4 L (f/8.0, 1/1600, 1000iso)

Due galli forcelli si esibiscono sull’arena – Canon 7D, 300 f/4 L (f/8.0, 1/1600, 1000iso)

Uno degli spettacoli più affascinanti ed emozionanti della natura alpina è senza dubbio il corteggiamento dei fagiani di monte, o galli forcelli che dir si voglia (Lyrurus tetrix, Linneo 1758). Osservare alcuni maschi lottare tra rugolii e soffi alla mattina presto è un’esperienza che consiglio a tutti gli amanti delle Alpi, è un’esperienza da vivere almeno una volta nella vita.

Alpine cabin's window - Canon 7D, sigma 15mm fisheye/2.8 (f/9.0, 1/100, 400iso)

Veduta da una baita alpina – Canon 7D, sigma 15mm fisheye f/2.8 (f/9.0, 1/100, 400iso)

Il mese scorso ho passato alcuni giorni sulle Alpi ad osservare questi animali. Mio unico appoggio una piccola baita a 1800 m immersa tra i larici.

Il primo soffio si sente in serata, pochi minuti prima del mio arrivo, e poco più tardi, con mia grande sorpresa, tre maschi erano in arena ad esibirsi.

Per la prima volta nella mia vita, cenai guardando da una piccola finestra i corteggiamento e “le risse” di questi eleganti gladiatori.

Posizionai il mio capanno il pomeriggio seguente per non disturbare. La mattina dopo mi svegliai nella nebbia, mentre una fine pioggia intermittente inumidiva l’atmosfera. Ascoltai il rugolio dei fagiani di monte immerso nel silenzio della nebbia, fu qualcosa di mai vissuto prima d’ora. Giunta la tarda mattinata uscii dal capanno senza un solo scatto in macchina, ma comunque soddisfatto dell’atmosfera che si era creata tutt’intorno. Nel rientro la pioggia cessò e la nebbia scese fitta nuovamente. In pochi minuti mi trovai cieco, cieco nel bianco, bianco sotto e tutt’intorno. Fu allora che sentii nuovamente alcuni soffi, vicini più che mai, e mi resi conto che intorno a me alcuni galli erano tornati a cantare e ad esibirsi sull’areana, senza volerlo mi trovai al centro del tutto, e senza capanno per giunta. Mi misi a ridosso di un larice striminzito e mi godetti lo spettacolo in prima fila, senza la barriera del telo, senza copertura, io la nebbia e i forcelli.

Un’ora dopo la nebbia si diradò e i fagiani così come erano apparsi scomparvero nel nulla.

Black Grouse in the fog - Canon 7D, 300/f4 L (f/8.0, 1/800, 800iso)

Un fagiano di monte fa capolino nella nebbia – Canon 7D, 300 f/4 L (f/8.0, 1/800, 800iso)

Black grouse in flight - Canon 7D, 300/f4 L (f/8.0, 1/800, 400iso)

Fagiano di monte in volo – Canon 7D, 300 f/4 L (f/8.0, 1/800, 400iso)

Advertisements